Cosa sta succedendo al campo dell’Olimpico?

Mercoledì sera si è giocata AEK-Olympiakos, terminata 1-1, e una parte delle dichiarazioni nel dopogara dei due allenatori si è concentrata su un fattore. «Potevamo fare qualcosa di meglio nel palleggio, ma è un campo che non ti permette di giocare a calcio. […] Penalizza entrambe le squadre» le parole di Massimo Carrera, mentre Pedro Martins è stato anche meno diplomatico: «Questo terreno di gioco sembrava una pista di pattinaggio, i giocatori scivolavano spesso ed era molto pericoloso. Nella ripresa abbiamo avuto occasioni, migliorando il nostro gioco, ma in generale è stata una brutta partita a causa del campo».

Il grande indiziato è il terreno dello Stadio Olimpico di Atene, il quale si trova da qualche mese in condizioni a dir poco disastrose e qui vi tracciamo una breve cronistoria degli eventi.

La prima volta con le toppe

La situazione del campo dell’Olimpico era da mani nei capelli già nel momento in cui si sarebbero dovuta disputare la finale di Coppa il 30 agosto tra AEK e Olympiakos, poi rinviata a causa della positività al virus di Maxi Lovera. Nell’allenamento dell’Olympiakos nello stadio, il capo ufficio stampa della squadra del Pireo Nikos Gavalas ha registrato un video denunciando le condizioni del campo due giorni prima della finale, il 28 agosto.

Come potrete notare, il terreno è secco e rattoppato all’altezza delle due porte.

La finale si è giocata il 12 settembre al Panthessaliko di Volos. E l’Olimpico? Chiuso da fine agosto per permettere la rizollatura del terreno di gioco.
La grande fortuna di AEK e Panathinaikos è quella di non aver avuto l’emergenza dello stadio per le prime due giornate di campionato. I gialloneri hanno saltato la prima giornata contro l’Olympiakos (per giocare la finale di Coppa, match recuperato ieri) e nella seconda partita ha giocato in trasferta ad Agrinio, contro il Panetolikos; i verdi hanno debuttato in trasferta a Tripoli, contro l’Asteras, mentre hanno saltato la seconda giornata contro l’Apollon Smyrnis.

Ιl nuovo terreno di gioco viene presentato giovedì 24 settembre, pronto per la partita AEK-Lamia della domenica seguente. Secondo gazzetta.gr il procedimento è stato fatto da «una delle migliori aziende, in tempi rapidi». Come vedremo, è l’inizio della fine.

La seconda volta, per risolvere l’errore

Basta solo ascoltare le prime parole di Brendan Rodgers, tecnico del Leicester, al termine della partita contro l’AEK dello scorso 29 ottobre:

«Ιl campo era davvero, davvero brutto. Forse non si è visto in televisione, ma era davvero dissestato e non favoriva il buon gioco». Parole dello scorso 29 ottobre, un mese dopo la prima rizollatura.

Secondo l’Ora ton Spor, il grande problema del primo cambio del manto erboso è che il 23% della parte inferiore era costituito da sabbia, mentre i parametri mondiali prevedono un 85-95%. Il 76% era composto da materiale argilloso: il terreno di gioco avrebbe potuto causare molto facilmente infortuni muscolari, ad ogni scivolata si sollevavano intere zolle e con la pioggia si rischiava la totale distruzione del campo. Inoltre, per un errore dal punto di vista chimico, l’erba non era in grado di sviluppare le radici e quindi col minimo contatto si staccava.

Dopo la partita Panathinaikos-Atromitos dello scorso 7 novembre, l’Olimpico subisce un altro cambio di look, ossia una nuova rizollatura. Approfittando della pausa nazionali (Grecia-Slovenia del 18 novembre e AEK-Larissa del 22 novembre si sono giocate a Rizoupoli), gli incontri “trasferiti” non sono stati tanti per AEK e Panathinaikos, che si sono divise i costi della rizollatura.

La terza volta in mezzo ai piccioni

Il portiere del Panetolikos Christopher Knett tra i piccioni durante la partita contro il Panathinaikos (INTime Sports)

Con questo terzo manto erboso, le scene viste sfiorano il tragicomico. La partita Panathinaikos-Panetolikos, terminata 2-1 per gli ateniesi il 29 novembre, è stata seguita da centinaia di spettatori nonostante fosse giocata a porte chiuse. Niente tifosi, ma piccioni: la semina del nuovo terreno ha attirato un intero stormo che ha assistito all’incontro a pochissimi metri dalle azioni di gioco. E questo fatto era già avvenuto contro l’Aris il 4 ottobre ma in maniera meno invadente.

Già dal 12 dicembre il Panathinaikos aveva evitato l’Olimpico per la partita contro il Pas Giannina, traslocando al Leoforos, a causa dei «problemi al manto erboso dello Stadio Olimpico». Cosa che è stata constatata nella sfida di mercoledì tra AEK e Olympiakos: pochi giorni prima ad Atene aveva piovuto per tante ore, ma il campo non ha affatto tenuto con tanti giocatori che scivolavano e il pallone che rimbalzava in maniera bizzarra.

Nella giornata di ieri il C.d.A. dell’OAKA – che comprende anche altre strutture tra cui il palazzetto di basket e le piscine – ha emesso questo comunicato:

Riguardo l’inaccettabile situazione del terreno di gioco dello stadio centrale, il C.d.A. dell’OAKA precisa nuovamente i seguenti punti:
1. Nell’ambito degli accordi di concessione per l’uso dell’OAKA che hanno firmato per anni Panathinaikos e AEK, le due società sono esclusivamente responsabili della semina, della cura e della situazione generale del campo.
2. Purtroppo, come si vede dai risultati, le scelte sbagliate hanno portato a un degrado duraturo e senza precedenti del migliore impianto calcistico del Paese, senza alcuna responsabilità della dirigenza e dei membri dell’OAKA.
3. Inoltre, questa situazione danneggia economicamente l’OAKA, a causa dell’annullamento di partite come la finale di Coppa e di due partite della Nazionale.
4. Segnaliamo che i problemi del terreno di gioco, escludendo il fatto della pubblicità negativa al migliore impianto olimpico del Paese, mettono in ombra il duro lavoro che il viceministero dello Sport con la dirigenza dell’OAKA stanno svolgendo per la prima volta dai Giochi Olimpici del 2004.
5. Il C.d.A. dell’OAKA, prima dello svolgimento dell’incontro AEK-Olympiakos e più precisamente il giorno precedente (martedì, ndr), notando le dimensioni del problema, ha deciso di comune accordo con le società Panathinaikos e AEK di prendere immediatamente delle misure in modo da:
• proteggere la salute degli atleti;
fermare l’ingiusta denigrazione dell’OAKA per atti di terzi;
riparare i danni finanziari causati da questa situazione inaccettabile e prevenire altri problemi economici.

Così, lo Stadio Olimpico è stato chiuso di nuovo. Dopo l’ufficialità del trasloco temporaneo del Panathinaikos al Leoforos e dell’AEK che si sposta a Rizoupoli per la partita contro il Volos di lunedì prossimo, già nella serata di ieri sono circolate le fotografie dall’inizio dei lavori di rizollatura.


L’obiettivo è il 18 gennaio, quando l’AEK affronterà l’Atromitos.
Sperando che sia la volta buona.

P.S. Il 6 gennaio l’AEK dovrà affrontare in casa il Panetolikos, ma nello stesso giorno l’Apollon Smyrnis dovrà ospitare al Rizoupoli il Panathinaikos.
Quindi i gialloneri dovranno trovare un altro campo oppure la partita sarà rinviata.

Seguiteci sui nostri account Instagram e Facebook!


I contenuti presenti sul blog “Il Calcio Greco” sono di proprietà de “Il Calcio Greco”.
È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma non autorizzate espressamente dall’autore.
Copyright © 2016-2020 Il Calcio Greco. Tutti i diritti riservati.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...