L’Athinaikos, dalla Beta Ethniki all’Old Trafford

athinaikos

Oggi vi parliamo della storia di una squadra che, nel giro di due anni, è passata dal giocare in Beta Ethniki (l’attuale Super League 2) all’Old Trafford, affrontando e mettendo in seria difficoltà il Manchester United di Hughes, Schmeichel, Giggs e, soprattutto, di Sir Alex Ferguson.

La squadra in questione è l’Athinaikos, che attualmente milita nelle serie minori del calcio greco, ma che ad inizio degli anni ’90 aveva sorpreso tutti, raggiungendo il 6° posto in classifica, la finale di Kypello Elladas e soprattutto aveva staccato il biglietto per i sedicesimi di finale della Coppa delle Coppe.

Il soprannome della squadra è Lordi tou Vyrona, in riferimento a George Gordon Byron, comunemente noto come Lord Byron, il poeta inglese che combatté e morì per l’indipendenza greca. L’area di Vyronas, situata a 3 km ad est dal centro di Atene, fu nominata così proprio in suo onore.

Per quanto riguarda la storia del club, che nell’ultimo ventennio ha subito un inarrestabile declino, l’Athinaikos ha ricoperto un ruolo di assoluta importanza almeno nei primi 50 anni dello scorso secolo, considerando che fu uno dei tre membri fondatori dell’EPO, assieme a Panathinaikos e Apollon. Fu fondato nel 1914 dai calciatori della storica squadra del Goudi FC, la quale era una delle società più famose negli anni in cui iniziarono a svilupparsi le prime competizioni sportive in Grecia. Fino al 1931 la squadra partecipò, senza mai retrocedere, in Alpha Ethniki, fino a quando venne organizzata un’amichevole con i Πράσινα Πουλιά (uccelli verdi), una squadra non riconosciuta e fondata da alcuni ex giocatori del Panathinaikos che erano entrati in rotta di collisione con la società, creando una squadra parallela. In seguito all’amichevole, l’Athinaikos venne punito con la retrocessione in terza divisione. Nel 1937 fu nuovamente promosso in A’ Ethniki e durante la stagione 1940-1941 fu in testa alla classifica fino al 28 ottobre 1940, quando la guerra rese impossibile il regolare svolgimento del campionato.

Fino allo scoppio della Seconda guerra mondiale, la polisportiva era una delle più ricche del mondo. Oltre il calcio, vennero create le sezioni di atletica, nuoto e tiro a segno. La sede, composta da uffici lussuosi, era situata all’angolo tra le strade Χαλκοκονδύλη e Πατησίων, in cui erano presenti anche la sede dell’EPSA e di altre società. Questi uffici, tuttavia, furono incendiati durante i Dekemvriana del 1944 e con loro andarono persi documenti e trofei del club.

Dopo la guerra la squadra militò in A’ Ethniki, mentre dal 1950 nella categoria A2 dell’EPSA. Nel luglio 1952 l’Athinaikos si fuse con l’AE Νέας Ελβετίας, dando vita ad una nuova squadra rinominata Αθηναϊκός Νέας Ελβετίας Αθλητικός Σύλλογος.

Ma il periodo più di successo del club è indubbiamente quello risalente ai primi anni ’90. Nella stagione 1991-1992, l’Athinaikos, per la seconda stagione consecutiva in Alpha Ethniki, approda per la prima volta in Europa. La qualificazione fu raggiunta grazie alla finale di Kypello Elladas della stagione precedente, disputata contro il Panathinaikos che si aggiudicò il trofeo e guadagnò l’accesso alla vecchia Coppa dei Campioni.

L’Athinaikos cadde in una finale andata-ritorno, perdendo la prima partita in casa 3-0 e la seconda per 2-1 all’OAKA, nonostante il goal segnato da Giorgos Zotalis.        Nonostante la doppia sconfitta, tuttavia, i calciatori guidati dal tedesco Gerhard Prokop potevano ritenersi più che soddisfatti, vantando un 6° posto in classifica al loro primo anno nella massima divisione, la qualificazione per la finale di Kypello e l’accesso alla Coppa delle Coppe.

L’entusiasmo generale fu per un momento stroncato quando, durante il sorteggio per la partita preliminare, fu sorteggiato il Manchester United come avversario dell’Athinaikos; i Red Devils avevano conquistato il trofeo europeo l’anno precedente, nella finale disputata a Rotterdam e vinta contro il Barcellona per 2-1. Nella stagione 1991-1992, la squadra di Sir Alex Ferguson aveva lo stesso obiettivo dell’annata precedente, e per qualsiasi squadra greca sarebbe apparso un ostacolo insormontabile, compresa la modesta squadra di Vyrona.

Il 18 settembre 1991, l’Athne ricevette i Red Devils al “damaria”: damaria è il soprannome dato allo stadio e significa letteralmente “cava”, perché l’impianto fu costruito dove prima sorgeva una vecchia cava. L’incontro terminò 0-0, un pareggio a reti bianche che era oro colato per i Lordi tou Vyrona, che riuscirono a resistere agli attacchi degli inglesi.

Il ritorno in Inghilterra si dimostrò essere una partita molto difficile per il Manchester che, dopo i primi 90’ minuti regolamentari, riuscì a piegare l’Athinaikos soltanto nel secondo tempo supplementare; al 109’ McClair bucò Sarganis, che fino a quel momento si era dimostrato una saracinesca. Due minuti dopo Mark Hughes realizzò la rete del definitivo 2-0, sancendo così l’eliminazione della squadra di Vyrona.

Facendo un balzo in avanti nel tempo, l’Athinaikos ha giocato dal 2003-04 al 2010-11 nel campionato provinciale (EPSA). Nel gennaio 2009, l’ex calciatore argentino Juan Ramon Rocha è stato nominato direttore tecnico del club. Nella stagione 2010-2011, l’Athinaikos è stato retrocesso nei campionati locali dilettantistici dopo aver perso la finale di coppa E.P.S. ΑΘΗΝΩΝ per 3-1 contro l’A.P.O. Fostiras Tavrou. Nella stagione 2012-2013 la squadra partecipa per la seconda stagione consecutiva nel girone A’ dell’Ε.Π.Σ.Α. (EPSA).

 

Qui sotto trovate l’intervista tradotta per intero da noi a Tasos Hatziagelis, ex centrocampista dell’Athinaikos, che giocò entrambe le partite contro i Red Devils e che, intervistato da Sport-Retro.gr, ha rilasciato un’intervista su quell’indimenticabile doppia sfida.

  • Riguardo la squadra:

“Eravamo un gruppo di giocatori legati, giocavamo insieme fin da quando eravamo in Beta Ethniki. Riguardo la partita contro il Panathinaikos della stagione precedente posso dire che fummo sfortunati. Nella prima partita al Leoforos il risultato era 0-0 fino al 70′, mentre nella seconda all’OAKA eravamo in vantaggio 1-0 a 20’ minuti prima della fine. Vedevamo le partite europee come un’opportunità per “distinguerci”, perché eccezione fatta per Dimopoulos, Sarganis e Koleff, che venivano dal Panathinaikos, nessun altro aveva esperienza europea.

  • L’atmosfera prima della partita d’andata

“Avevamo fame di gloria, però quando ci capitò lo United per un attimo regnò la paura per una possibile figuraccia. Ricordo, infatti, che un dirigente dell’OFI, di cui non ricordo il nome, avesse dichiarato sui giornali che “squadre come l’Athinaikos non dovrebbero andare in Europa perché ci renderanno ridicoli.”

Il nostro allenatore di allora, Gerd Prokop, era andato a Manchester e una volta di ritorno ci prese da parte e ci disse che le chances (di passare il turno, ndr) erano 50-50. Ovviamente eravamo scettici, ed alcuni di noi risero. Ma si scoprì che il tedesco (Prokop) aveva ragione. Giorno dopo giorno iniziammo a credere sempre di più che non ci avrebbero “schiantato”. Questo fu possibile anche grazie all’enorme personalità di Nikos Sarganis, che ripeteva costantemente “loro sono in 11, noi siamo in 11. Lasciate perdere quello che dice il mondo. Dovranno sputare sangue per vincere contro di noi.”- “Andremo ai rigori e passeremo.”

  • La partita d’andata

“Non eravamo particolarmente impauriti. Con l’eccezione dei due legni, loro ebbero pochissime opportunità e avemmo anche la possibilità di vincere con Koleff. Le cose andarono come aveva detto Prokop. Lo United giocava in maniera prevedibile.”

Loro cercavano costantemente di sfondare la nostra linea difensiva; allora il calcio era diverso da oggi, avevamo due stopper che marcavano a uomo mentre io ero un libero. Il modo in cui gli inglesi svilupparono il gioco non fu particolarmente difficile da interpretare per noi. ”

Eravamo tutti contenti, e questo è stato ciò che, soprattutto, ci ha motivato a continuare il campionato e a giocare il ritorno in Inghilterra. La stampa del tempo lodò l’Athinaikos, che aveva aveva pareggiato – anche relativamente facilmente. C’era una folla che si congratulava con noi quando ci incontrammo, e Nikos Sarganis continuava a dire ‘non ci mancherete neanche lì. Andremo ai rigori e otterremo la qualificazione. “

  • La partita di ritorno, l’Old Trafford e l’elettrocardiogramma di Ferguson

“Era qualcosa senza precedenti per noi. Un campo imponente che ci suscitò meraviglia anche il giorno prima della partita, quando era vuoto. Ormai avevamo giocato fino ad allora di fronte a 20.000 persone, quindi vedere 45.000 tifosi affollati era davvero senza precedenti.”

Ricordo che avemmo un’occasione con un tiro di Vasilis Tzalakostas al 15’ minuto, che fu parato da Schmeichel; dopodiché lo United iniziò a far girare palla, ma noi non riuscimmo a trovare il goal. Come il tempo scorreva, il Manchester era ansioso e noi avevamo poche speranze di poter segnare un goal in contropiede e anche qualificarci con un  1-1.

Ricordo che all’intervallo Nikos (Sarganis, ndr) mi disse: “Tasos, resistiamo fino a quando non arriviamo ai rigori, poi prendo il controllo; non aver paura di niente”. Aveva una tale fiducia quando me lo disse che me lo ricordo 27 anni dopo, non lo dimenticherò mai.

Alla fine prendemmo goal nel secondo tempo supplementare e nel frattempo Ferguson aveva schierato Gary Palister in attacco, per approffitare dei cross, come accadde in occasione del primo goal.

Un punto chiave della partita fu l’infortunio di Vangelis Spiliotis (che fu sostituito all’intervallo da Kostas Theodorakos), che era fisso su Hughes e lo aveva “annientato” in entrambe le partite.

Ci sentimmo bene perché, nonostante fossimo stati eliminati, giocammo con dignità e riuscimmo a dare alcuni punti alla Grecia. Eliminare il Manchester United sarebbe stato come vincere al lotto. Ci avvicinammo molto e avremmo potuto ottenere ciò che sembrava impossibile, ma tutto ciò ci fece sentire bene perché avevamo davvero messo alle corde gli inglesi. In effetti, ricordo Ferguson nella conferenza stampa dopo la partita che diceva: “Vado a fare un elettrocardiogramma, parlerò più tardi”.

  • Il ritorno in Grecia ed il legame tra calciatori e dirigenza

“Al nostro ritorno in Grecia, alcuni amici dell’Athinaikos ci stavano aspettando all’aeroporto per congratularsi con noi, mentre per tutto quell’anno abbiamo ricevuto un trattamento speciale da parte della gente nella maggior parte dei posti in cui andammo in campionato.

Eravamo una squadra che giocava in Beta Ethniki fino a due anni prima, ma avevamo guardato negli occhi e affrontato la squadra vincitrice della Coppa Europa e questo era qualcosa di ammirevole. In effetti, Spyros Kalogiannis (l’allora presidente, ndr) aveva dato un bonus di 700.000 dracme a ciascun giocatore, un importo irreale per la stagione se si considera che, ad esempio, il mio stipendio era di 150.000 dracme al mese “.

“Siamo stati legati e abbiamo passato anni insieme nelle categorie minori prima di arrivare lì. Tanti anni dopo, quando possibile, andiamo insieme a cena e ci teniamo in contatto. All’approdo nella massima divisione arrivarono ​​alcuni giocatori di “prima classe” ed esperti, come Sarganis, Bok, Dimopoulos; fu messo su un gruppo molto buono.

Se aggiungiamo che la gestione della squadra era nelle mani di un vero gentiluomo come Spyros Kalogiannis nella posizione di presidente, capiamo che stiamo parlando di una situazione molto rara e che difficilmente può essere creata in squadre come l’Athinaikos, che non ha un gran numero di tifosi.

Credo che queste due partite, che per me sono state il momento più alto della mia carriera, siano anche il momento più grande nella storia della squadra e come tali sono state menzionate anche l’anno scorso in occasione della celebrazione dell’anniversario dei 100 anni di vita dell’Athinaikos”.

 

Seguiteci sui nostri account Instagram e Facebook!


I contenuti presenti sul blog “Il Calcio Greco” sono di proprietà de “Il Calcio Greco”.
È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma non autorizzate espressamente dall’autore.
Copyright © 2016-2020 Il Calcio Greco. Tutti i diritti riservati.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...