Evangelou aggredito, botta e risposta tra Hübel e il KED

hubel

Nella giornata di lunedì 23, in seguito alla tanto discussa partita tra Volos e Olympiacos, anche il KED ha rilasciato una dichiarazione, sottolineando che gli arbitri e gli assistenti in alcune specifiche partite dell’ultimo turno hanno fatto delle prestazioni al di sotto delle aspettative e saranno esclusi dalle designazioni future fino a quando non verrà effettuata una valutazione.

Il Comitato Centrale Arbitri (KED) non nomina nessuno né menziona in quali match ci siano state nelle decisioni controverse, ma si può constatare certamente che VolosOlympiacos sia una delle partite “incriminate”. Nel mentre, ci sono state lamentele anche da parte dell’AEK nella partita contro il Lamia per un calcio di rigore non dato su un fallo ai danni di Albanis.

Domenica sera,però, si registra l’ennesimo caso di violenza ai danni di un arbitro. Un numero imprecisato di persone ha fatto esplodere un razzo che ha colpito la finestra dell’appartamento, situato a Zografou, di Angelos Evangelou, arbitro VAR durante VolosOlympiacos.

L’arbitraggio controverso di VolosOlympiacos e tutto quello che ne è conseguito, tra cui lo sciopero degli arbitri, la dichiarazione senza freni di Marinakis e l’attacco a casa dell’arbitro Evangeolou, è stato ripreso dal discorso del rappresentante FIFA in Grecia, Herbert Hübel.

Hübel, dopo aver condannato l’attacco ai danni della casa di Evangelou, ha fatto riferimento agli errori sia sul campo che al VAR durante VolosOlympiacos, affermando che il VAR è stato introdotto proprio per evitare certi tipi di errore. Ha marcato il fatto che sia la FIFA che l’UEFA hanno investito molto nel sistema VAR, ed ha suggerito di prendere provvedimenti per gli arbitri del match.

Hübel, inoltre, non ha nascosto la sua preoccupazione per il futuro del calcio greco ed ha affermato che qualsiasi attività sospetta relativa al calcio in Grecia dovrebbe essere presa in considerazione attraverso azioni dirette e appropriate, messe in atto della comunità calcistica internazionale.

Il calcio greco è ancora testimone di attacchi ai danni degli arbitri. Questi eventi inaccettabili non solo non sembrano eliminati, ma tendono a diventare più frequenti. Personalmente, e per conto della FIFA e dell’UEFA, sono estremamente preoccupato e condanno questi atti.

Inoltre, è frustrante vedere errori di un certo tipo in campo, nonostante la Federazione Arbitri  abbia investito sull’allenamento degli arbitri  e nonostante l’introduzione del VAR, soprattutto durante la partita tra Volos e Olympiacos della scorsa domenica, che ho visto in tv.

La VAR è un progetto ampio, implementato con il supporto dell’EPO e dello Stato, con la finalità di evitare chiari errori e di aiutare gli arbitri con le loro decisioni. In definitiva, riducendo gli errori si riduce anche il rischio di violenze.

Sfortunatamente, le controverse decisioni prese sia dagli arbitri in campo che dal VAR, hanno nuovamente sollevato scetticismo e critiche riguardo il KED (Comitato centrale arbitri), il VAR e l’arbitraggio in Grecia.

Questa è un’area sensibile, nella quale FIFA e UEFA hanno investito moltissimo e su cui non è consentita alcuna controversia.

Questo tipo di prestazione non può essere accettata in nessun campionato maggiore e sono favorevole a qualsiasi punizione esemplare decida il Comitato centrale arbitri.

Infine, non posso nascondere la mia preoccupazione per il futuro del calcio greco e se qualsiasi attività sospetta relativa al calcio in Grecia si dimostrerà diretta, le azioni appropriate delle istituzioni internazionali dovrebbero essere date per scontate.

Data l’opportunità, auguro un buon Natale a tutta la famiglia del calcio greco.

 

Secondo voci di corridoio, gli arbitri e gli assistenti di Super League 1, che hanno indetto uno sciopero a tempo indeterminato, sono stati infastiditi dalle dichiarazioni controverse (soprattutto sui temi di errori e violenza) di Hubel, ed hanno risposto a tono con questo comunicato:

Le parole sono veramente poche per descrivere quello che sta accadendo oggi al calcio greco.

L’ambiente malato e tossico che prevale, la criminalizzazione degli errori e il sempre presente arbitraggio greco come unico responsabile di tutto ciò che accade: tutto questo deve fermarsi per un po’. Lasciamo che tutti coloro che hanno dichiarato guerra a noi ci guardino e finalmente che tutti si assumano la sua parte di responsabilità. Avevamo suonato l’allarme.

Il corpo degli arbitri greci della Super League 1 all’unanimità (76 in totale) ha deciso di astenersi da qualsiasi attività fino a quando le soluzioni più appropriate non vengono messe in atto, fino a quando gli annunci non vengono resi reali.

Siamo stati guidati da questa decisione perché non vogliamo essere coinvolti nel gioco di annunci, impressioni, cause legali, minacce e insulti, violenza verbale e fisica. I colleghi sono attualmente perseguiti con il processo di sacrificio, “qualcosa di comune in qualsiasi paese sviluppato e avanzato calcisticamente”.

Fino ad allora seguiremo gli sviluppi tutelando le nostre famiglie. Buon Natale a tutti!

PS: per quanto buono possa essere.

Sinceramente,

arbitri e assistenti della Super League 1.

Il Consiglio della Lega, che si riunirà il 30 dicembre per aggiornarsi sulle ultimi vicissitudini, non vedrà rappresentati gli arbitri attraverso il loro consueto consiglio informale composto da cinque membri.

Negli ultimi giorni la tensione è alle stelle, i toni si sono pericolosamente alzati, la situazione sembra fuori controllo anche a causa di dirigenti, presidenti e allenatori. Il Ministro dello Sport Lina Mendoni sta valutando se sospendere o meno il campionato fino a data da destinarsi. La situazione sembra aver oltrepassato il limite, staremo a vedere come terminerà il 2019. Seguono aggiornamenti.

Seguiteci sui nostri account Instagram e Facebook!


I contenuti presenti sul blog “Il Calcio Greco” sono di proprietà de “Il Calcio Greco”.
È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma non autorizzate espressamente dall’autore.
Copyright © 2016-2020 Il Calcio Greco. Tutti i diritti riservati.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...