Super Olympiacos: 3-1 al Milan e qualificazione ai sedicesimi di Europa League

miloly

Una serata memorabile quella di ieri sera per l’ambiente dei Kokkini, che sono riusciti a rifilare un secco 3-1 al Milan.

Nella sesta e ultima partita del girone F di Europa League, al Milan bastava soltanto evitare di perdere con 2 gol di scarto (tranne in caso di 4-2 in favore dei Greci, perché in quel caso sarebbe passato il Milan), ma le trasferte nel Pireo e in Grecia non sono mai state una passeggiata per (quasi) nessuna squadra. Il match, diretto dall’arbitro francese Bastien, è iniziato con una bellissima coreografia realizzata dal Gate 7 che raffigura i personaggi della serie tv La casa di carta che, con la felpa del Gate 7, osservano la coppa della competizione, posta su un tavolo.

La partita è stata sostanzialmente equilibrata, ma il rigore dubbio assegnato all’ottantunesimo minuto ha sicuramente influito sul risultato finale. Sugli spalti era presente anche il Ministro dell’Interno e vicepresidente del Consiglio, Matteo Salvini, che a fine partita ha ringraziato i tifosi rossoneri arrivati dall’Italia per sostenere la loro squadra.

Il primo goal degli Erithrolefki viene realizzato al 59′ quando Fortounis batte un calcio d’angolo corto per Podence che, alle spalle di un distratto Castillejo, si trascina il pallone in area, crossa in mezzo dove Koutris colpisce di testa ma prende il petto di Zapata; il pallone rimbalza e Cissé si inserisce colpendo di testa gonfiando la rete.

Al 68′ arriva il raddoppio: Koutris corre sulla fascia sinistra e riesce a crossare il pallone tenendo il pallone in campo; Zapata vince il duello aereo con Fortounis e colpisce di testa riuscendo a buttare il pallone fuori dall’area di rigore, dove c’è Guilherme che stoppa e calcia, ma il tiro viene deviato da un tocco involontario di Zapata e la palla entra in porta, scavalcando Reina e beffando la difesa.

Tuttavia, è lo stesso Zapata che tre minuti più tardi si fa perdonare, riuscendo a segnare su calcio d’angolo di testa.

Il goal che mette il sigillo sulla partita è firmato Fortounis. L’episodio che ha deciso le sorti del match è un rigore molto discutibile assegnato al minuto 81′, quando su un corner per l’Olympiacos, Abate trattiene Torosidis che si lascia cadere forse con troppa facilità a terra. Dagli undici metri si presenta Kostas Fortounis che spiazza Reina, calciando in modo angolato alla sua sinistra.

Una vittoria molto importante che dimostra quanto il Karaiskakis possa essere un campo ostico anche per squadre di livello, non dimenticandoci che un anno fa di questo periodo anche il Barcellona non riuscì ad ottenere i 3 punti, ottenendo solo un pareggio (0-0). Essendo qualificati come secondi nel girone, la probabilità di incrociare ai sedicesimi di finale una big, tra cui Arsenal, Chelsea, Bayer Leverkusen, Benfica, Valencia e Siviglia, è molto elevata. La qualificazione ai sedicesimi è una boccata d’aria per i Thrilos, visto che in campionato la squadra fa fatica a vincere nonostante la terza posizione in classifica; le ultime partite sono state vinte nei minuti finali, ma è chiaro che l’organico deve essere ancora amalgamato.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...