Il Panathinaikos cambia società

alafou-panasia

Il Panathinaikos cambia società, finalmente. Ma facciamo qualche passo indietro, ripercorrendo questi 6 mesi infernali. Tornando indietro a maggio della stagione scorsa, Marinos Ouzounidis, allenatore ed ex difensore dell’Ethniki, era riuscito a portare a termine una stagione complicatissima per il Panathinaikos, segnata da multe dall’UEFA, debiti societari e stipendi non retribuiti. A fine campionato, dopo la rescissione contrattuale, i maggiori problemi per i Tryfilli sembravano finiti.

La penalizzazione in classifica

E invece, il 12 giugno, l’E.P.O. (Ελληνική Ποδοσφαιρική Ομοσπονδία) annunciava la decisione finale riguardante la penalizzazione di 6 punti per la successiva stagione al Panathinaikos e al Panionios, poiché entrambe le società non sono riuscite ad ottenere la licenza dall’E.P.O. per disputare la prossima stagione di campionato. Fino ad un anno fa, una qualsiasi squadra che non riusciva ad ottenere la licenza veniva automaticamente retrocessa, come nel caso dell‘Iraklis. Ma il regolamento è stato modificato, quindi il Pana ha evitato il peggio.

Le limitazioni sui trasferimenti

Oltre la penalizzazione in classifica, viene sentenziata anche una limitazione sui trasferimenti, a causa dei mancati pagamenti degli stipendi, e anche per “una mancanza di un piano sostenibile garantito”, come si legge in una nota del comunicato da parte dell’E.P.O.

Le limitazioni sono le seguenti:

  • La società potrà acquistare un numero indefinito di giocatori greci under 23.
  • Durante la sessione di calciomercato estiva, potrà essere acquistato solo un calciatore over 23, greco o straniero.
  • Durante la sessione di calciomercato di gennaio, potrà essere acquistato solo un calciatore greco over 23, e un numero indefinito di giocatori greci under 23.
  • Potranno essere rinnovati soltanto 2 contratti di due giocatori over 23, indifferentemente dalla loro nazionalità.
  • Ai due rinnovi di contratto è vietato aumentare la remunerazione di tali giocatori.
  • Per tutti i nuovi trasferimenti, è vietato superare i 100.000€ per contratto (ogni nuovo calciatore potrà al massimo guadagnare al massimo questa somma).
  • In qualsiasi trasnferimento o prestito, sarà vietato dare soldi ad un altro club (per i trasferimenti, per esempio, si potranno ingaggiare soltanto svincolati).

 

Giorgios Donis nuovo allenatore

Le redini del club, dopo Ouzounidis, vengono affidate a Giorgios Donis, greco di origini tedesche, affiancato dal direttore tecnico Nikos Dabizas. Da calciatore, ha disputato 6 stagioni e 107 presenze con la maglia dei Tryfilli, giocando come mezzala e guadagnando il soprannome di “το τρένο”, ossia “il treno”, a causa delle sue veloci accelerazioni. Come allenatore ha girovagato principalmente in Grecia, tra AEL Larissa, PAOK, AEK e Atromitos Athinon. Dal 2013 al 2015 si sposta a Cipro con l’APOEL, con il quale vince campionato e coppa, riuscendo a raggiungere la fase a gironi di Champions League. A febbraio 2015 accetta l’offerta dell’Al-Hilal in Arabia Saudita, squadra con la quale riuscirà a vincere la coppa nazionale. Un anno dopo passa all’Al-Sharjah, senza ottenere successi. Il suo palmarés, sia come allenatore che da giocatore, vanta moltissimi trofei. L’esperienza ed i risultati sono dalla sua parte.

Le richieste del nuovo coach sono state chiare: l’acquisto di almeno 7 giocatori greci. La richiesta è stata esaudita, e tra i nomi più importanti spiccano Nikos Vergos (ex Olympiacos) e, a sopresa,  l’italiano Federico Macheda (ex Manchester United e Novara). Altri giovani greci under 23 molto promettenti, viste e considerate anche queste prime due partite di campionato, sono Giannis Bouzoukis, Dimitrios Kourbelis e Dimitris Emmanouilidis. Per i trasferimenti in entrata non è stato speso un singolo euro, per merito di una grande gestione da parte di Dabizas. Grazie agli acquisti (forzati) di molti giovani, l’età media della squadra è scesa 21.5 anni.

 

Pairoj Piempongsant e la nuova società

La notizia dell’interessamento di Pairoj Piempongsant e del suo consorzio di investimenti Pan Asia nel rilevare il Panathinaikos FC risale ai primi giorni di maggio. Ci si aspettava che l’affare si concludesse rapidamente, tuttavia la complicata situazione economica del club e la lentissima burocrazia greca hanno rallentato i lavori, che sono comunque proseguiti durante tutta l’estate e sono terminati il 6 ottobre.

Questi negoziati sono giunti al termine, raggiungendo il miglior risultato possibile. Giannis Alafouzos, attuale presidente del club, e Piempongsant hanno accettato i termini dell’operazione di acquisizione e il Panathinaikos entrerà in una nuova era. La coppia ha raggiunto l’accordo nel loro ultimo incontro, tenutosi il pomeriggio di sabato 6, ed è stato stipulato un accordo privato con la firma di entrambi. 

L’accordo è stato quindi raggiunto. Sono già state rilasciate due dichiarazioni congiunte: la prima illustra come funzionerà il processo di acquisizione, mentre la seconda afferma che la Pan Asia Investments LTD rileva immediatamente il 50% delle quote del club. Ad Alafouzos rimarranno il 40.5% delle quote, mentre il restante 10% è diviso tra la sezione amatoriale della polisportiva e tra altri piccoli investitori.

La cooperazione tra la nuova società asiatica e Alafouzos non si concluderà immediatamente. Alafouzos avrà ancora le rimanenti quote del club, ma nell’immediato futuro Piempongsant ne avrà la maggioranza. Le azioni di Alafouzos diminuiranno nel tempo fino al punto in cui non ne avrà più.

Inoltre, Piempongsant stanzierà una somma iniziale di 10 milioni di Euro durante il prossimo consiglio di amministrazione il 14 ottobre. Dopodiché, l’uomo d’affari thailandese investirà altri 10 milioni di Euro per estinguere i debiti del club.

Piempongsant ed i suoi associati stanno selezionando un nuovo presidente per guidare il club verso una nuova era. L’obiettivo è trovare qualcuno che sia audace e abbia una conoscenza dell’ambiente del Panathinaikos. L’imprenditore thailandese avrebbe già avuto colloqui con diversi possibili candidati.
Avram Grant lavorerà come “direttore del calcio”, un ruolo che ha il compito di supervisionare e lavorare a stretto contatto con l’attuale direttore tecnico Nikos Dabizas. Grant avrà sede ad Atene ed è già in contatto quotidiano con Dabizas. L’israeliano sarà la figura più di spicco all’interno della società, mentre Dabizas avrà un ruolo congiunto con Giorgos Donis. Pete Piempongsant, il figlio di Pairoj, sarà l’assistente di Grant.
E’ quindi ufficiale il passaggio di proprietà del Panathinaikos, che finalmente vede la luce in fondo al tunnel. Una notizia importantissima per tutta la Grecia, visto che adesso i Tryfilli diventano la prima squadra greca in assoluto ad avere una società straniera. Una manna dal cielo anche per il governo, che grazie alla Pan Asia Investments LTD dimostra alle società estere che investire in Grecia è possibile.
Immagine: OlaPrasina.gr

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...