Marinakis e la faccenda Noor1: ora il magnate greco rischia grosso.

ImageHandler

Il presidente dell’Olympiacos, Evangelos Marinakis, e altre 3 persone sono ufficialmente perseguite dalla legge per possesso e commercio di droga, per condotta di formazione e partecipazione in associazione criminale.

Per cosa è indagato? Per la faccenda della petroliera Noor1, intercettata nel porto del Pireo, trasportando oltre 2 tonnellate di eroina, nel 2014.

Riportiamo quanto scritto dal giornale britannico The Guardian:

Venerdì 23 Marzo, il Pubblico Ministero greco, Erini Tziva, ha incriminato l’imprenditore e armatore 50enne di accuse molto pesanti, dopo un’indagine durata 3 anni sul Noor1. A carico di Marinakis, inoltre, c’è anche l’accusa di finanziamento a operazioni illegali, legate al traffico di droga. Oltre a lui, anche tre dei suoi più stretti collaboratori sono stati imputati, ossia: Nikos Sytichakis (amministratore delegato del capitale), Vangelis Bayraktaris (avvocato) e Ilias Tsakiris (armatore). L‘inchiesta giudiziaria è partita seguendo il denaro coinvolto nell’ampia rete di commercio, concentrandosi sui trasferimenti bancari, ed è stato collegato alla nave sequestrata e probabilmente al suo utilizzo per finanziarlo.

Questo non è il primo problema del businessman greco con la legge. Nel 2015 è stato prosciolto da una complicità in una rete di partite truccate, la quale si estendeva in ben sette paesi. In quel caso le accuse sono state avanzate dopo che l’UEFA ha rilevato un modello di scommesse irregolari nel paese. Il magnate, che ha acquistato la squadra inglese del Nottingham Forest 10 mesi fa in un’operazione da 50 milioni di euro, ha attribuito queste accuse a critici gelosi intenzionati a rovinare la striscia vincente di campionati della sua squadra greca.

Tuttavia, a causa della gravità del caso, nella lettera del procuratore della Corte Suprema, Xeni Demetriou, viene richiesto l’assegnamento del caso a un gruppo di investigazione privata.

Allo stesso tempo, al pubblico ministero viene chiesto di indagare ulteriormente su un possibile contrabbando di carburante e riciclaggio di denaro da attività illegali, legati sempre nell’ambito di un’organizzazione criminale. SEGUONO AGGIORNAMENTI.

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...