Kypello Elladas, semifinale di andata : L’AEK fa il colpo grosso, Olympiakos sempre più in crisi. Il Panathinaikos vince 2-0 sul PAOK.

olyaaek

L’andata delle semifinali di Kypello Elladas ci regala sorprese.

L’AEK espugna il Karaiskis 2-1; il Panathinaikos (a sorpresa) vince 2-0 sul PAOK.

L’Olympiakos crolla in casa, perdendo 1-2 contro l’AEK. Vittoria importantissima per l’AEK, che ha già mezzo piede in finale : i goal in trasferta valgono doppio, ciò significa che i Kokkini dovranno recuperare 3 goal senza subirne alcuni per passare. Non dimentichiamo che il match di ritorno sarà all’OAKA, dove sono stimati almeno 40.000 tifosi Kitrinomavri, senza tifosi biancorossi.

Risultato a parte, un plauso va al Gate 7, che all’inizio della partita ha acceso così tanti fumogeni bianco e rossi da creare nebbia, che si alzerà dal campo soltanto dopo dieci minuti dall’inizio del match.

Passano 50 secondi dal fischio d’inizio quando Androutsos, dalla fascia sinistra, crossa pericolosamente in area piccola : Il portiere Anestis prova con una mano a buttarla in angolo, la palla sbatte sulla traversa e finisce sui piedi di Marin che da destra calcia al volo; palla che finisce sulla rete esterna. Al 5′ minuto di gioco la gara viene sbloccata con punizione da 45 metri per l’AEK, da posizione centrale : Mantalos invece di crossare, con un rasoterra serve Araujo che da destra dell’area di rigore sorprende tutti, incrocia benissimo e beffa Kapino per il vantaggio giallonero. L’AEK divora più volte il goal del raddoppio, ma al 12′ l’Olympiakos ristabilisce in parità la partita : Marin crossa dal limite dell’area destra per Seba, che viene anticipato di testa da Vranjes che consegna la palla a Diogo Figueiras che al volo, di esterno, calcia sul palo alla destra di Anestis spiazzandolo. Al 21′ Marin dal limite dell’area destra scambia con Figueiras che completa l’uno-due crossando rasoterra in mezzo per il tedesco che calcia ma prende il palo : la palla torna sulla destra per Figueiras che provando ad accentrarsi, al minimo contatto con Chygrynskiy, cade a terra; l’arbitro lascia proseguire. Al 32′ Marin dalla fascia destra entra in area di rigore dopo aver dribblato un paio di difensori e crossa in mezzo : la palla viene deviata in calcio d’angolo da un presunto tocco di mano di Simoes, proprio sotto gli occhi dell’arbitro di porta, che sembra non aver visto nulla. Al 63′ i Kitrinomavri ritornano in vantaggio su calcio d’angolo battuto da Galo : cross in mezzo, dove il difensore Vranjes stacca di testa e quasi involontariamente butta il pallone tra i piedi del suo compagno  Rodriguez che di petto stoppa e calcia forte e alto dove Kapino non può arrivare. Il goal è regolare, la difesa dei Kokkini chiede un tocco di mani di Rodriguez ma l’argentino stoppa il pallone con il petto.

Mentre 3 giorni prima vedevamo, in campionato, il PAOK asfaltare per 3-0 il Panathinaikos, in coppa accade il contrario. Al Nikolaidis i biancoverdi stendono per 2-0 il PAOK. I padroni di casa impongono il loro gioco, e al 20′ passano in vantaggio : calcio d’angolo battuto corto da M’Poku che la passa a Villafanez, che a sua volta si accentra e il suo cross deviato di schiena da Warda viene respinto di pugno da Glykos; Berg respinge di testa verso Moledo che con un colpo di reni indirizza il pallone, di testa, sotto il sette. Il raddoppio del Pana arriva all’ 82′ : Leto ruba palla sulla fascia destra a Warda, verticalizza per M’Poku che, al limite dell’area di rigore, ci pensa un po’ prima di tirare; il tiro deviato da Crespo, finisce a sinistra tra i piedi di Berg che approfitta l’uscita del portiere Glykos per servire Leto che a sua volta al centro dell’area appoggia in rete. La partita è stata condita da un arbitraggio pessimo, che sugli episodi dubbi ha quasi sempre sbagliato decisione : al 6′ minuto, Koulouris lanciato in porta direttamente da un lancio del portiere Glykos, viene strattonato in area di rigore dal difensore Koutroubis; il calciatore bianconero cade ma per l’arbitro non è nulla. Minuto 60′, al Panathinaikos manca un rigore : Villafanez, in area di rigore, si ritrova in mezzo a Shakov e Canas; il primo interviene sulla gamba destra del venezuelano, il secondo lo spinge a terra. Minuto 68′ : Berg, su angolo calciato da Zeca, in area di rigore stoppa con il petto e calcia in porta;  il pallone colpisce il braccio larghissimo di Crespo, che fa da portiere aggiunto. Un minuto dopo, stessa situazione ma a sfavore del PAOK : Hnerique crossa in area di rigore dove c’è Leonardo che stoppa il pallone di petto; il difensore biancoverde Hult si fionda addosso al terzino bianconero e mentre si gira colpisce il pallone con la mano destra.

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...