Kostantinos Fortounis, la perla del Pireo.

kfo2“Dimmi quale squadra tifi e ti dirò chi sei”.

Questa frase è popolare tra tutti gli appassionati di calcio, che vedono rispecchiare nella squadra del loro cuore il loro carattere ed i loro sentimenti.

Se a questa domanda dovesse rispondere un certo Kostantinos Fortounis, risponderebbe sicuramente :”Olympiakos”.

“In generale, non solo ad Atene, ma in tutta la Grecia, il calcio ha una lunga storia. Siamo considerati una delle migliori squadre della Grecia. Sin da piccolo ho iniziato a giocare a calcio ; giocavo ovunque avevo una palla sui piedi. Per i giovani calciatori è importante iniziare subito a giocare a pallone. Credo che la mia passione  provenga dai tifosi. In fondo ho una relazione speciale con loro perché ho iniziato a giocare proprio con questo club da piccolo. Mi vedono come uno di loro. Dal momento che salgo sul pullman per andare allo stadio fino a quando arrivo al campo, mi concentro solo sulla partita, su quello che il mister ci ha detto e su quello che abbiamo analizzato durante la settimana. Quando arriva il momento di entrare in campo, non penso a nient’altro che aiutare la squadra a vincere. Vogliamo i tifosi sempre dalla nostra parte perché senza loro non riusciremmo a vincere niente.”

Queste le sue parole durante l’intervista a Copa90.

Nato nella piccola città di  Kalambaka, meta turistica famosissima per i monasteri ortodossi che sorgono su delle meteore altissime, Kostantinos inizia a dare i primi calci al pallone proprio con l’Olympiakos, dal 2003 al 2008, grazie a dei campus sparsi in tutta la Grecia organizzati a quel tempo dal presidente del club Sokratis Kokkalis. Nel 2008 l’AO Trikala lo mise sotto contratto, facendolo giocare dapprima nella primavera, segnando 4 goal in 21 partite, e nella stagione 2009/2010 debutta in prima squadra che militava allora in Delta Ethniki (Serie D Italiana), realizzando 22 goal.

Nel frattempo viene anche convocato nella Nazionale Greca under 17 ; anche qui si dimostra uno dei più eleganti e più ordinati in mezzo al campo.

Grazie alle buone prestazioni in Nazionale, Vangelis Vlachos, allenatore dell’Asteras Tripoli, convinse Kostas a firmare un contratto annuale nella stagione 2010/2011. Fece il suo esordio in massima serie nella partita casalinga contro il PAOK, partita finita in pareggio. Usato prevalentemente come riserva, collezionò 24 presenze in Super League ed un goal, realizzato nel pareggio (2-2) contro l’AEK Atene il 19 settembre 2010. Il calciatore comunque non riuscì ad evitare la retrocessione in Football League (Serie B Italiana) della squadra del Peloponneso.

Notizia che in pochi sanno, la Juventus nel mercato di gennaio del 2011 chiese di avere Fortounis in prestito per 6 mesi, con opzione di riscatto per comprarlo definitivamente in estate. L’Asteras Tripoli rifiutò l’offerta.

Nella finestra estiva di mercato del 2011, Fortounis firmò  per la squadra tedesca del FC Kaiserslautern. Nella prima stagione, totalizzò 28 presenze ma anche la 2° retrocessione. L’Ajax e la Juventus mostrarono molto interesse nei riguardi del calciatore, che però rifiutò categoricamente. Nella stagione 2012/2013, la 2° in Germania, segnò due goal in 24 presenze aiutando la squadra a raggiungere il 3° posto in Serie B Tedesca, ma nei play off contro l’ultima classificata, l’Hoffenheim, perse sia andata e ritorno. A questa beffa si aggiunge anche l’eliminazione in DFB Pokal (la nostra Coppa Italia) in semifinale per mano del Bayern Monaco, che spazzò via la squadra della Renania per 5-1.

Il ritorno del figliol prodigo a casa. Il 22 luglio 2014 Fortounis torna all’Olympiakos dopo 6 anni, firmando un contratto quadriennale. La prima stagione si chiuse con 27 partite giocate in totale (anche l’Europa League, 2 presenze 1 goal) condite da 7 goal ed 1 assist. Come prima stagione non male.

Ma la miglior stagione fino ad oggi è quella 2015/2016, dove colleziona 27 presenze in Super League accompagnate da 18 goal e 7 assist ; 6 presenze in Champions League, 0 goal e 2 assist; 2 presenze in Europa League, 1 goal 0 assist. In campionato riesce a segnare a tutte le squadre, vincendo il premio di capocannoniere e anche di miglior giocatore greco dell’anno. Il valore di mercato, dai 3 milioni, sale fino a 10. Evangelos Marinakis, il presidente del club, il 3 giugno 2016, annuncia il rinnovo del contratto del calciatore fino al 2020 : a Fortounis vanno 1.000.000 € annuali.

Una delle sue migliori capacità tecniche è il cambio di gioco, attraverso lanci lunghi e precisi ; può anche tenere palla ed impostare l’azione in modo da creare opportunità da goal con passaggi filtranti precisi che spesso portano i suoi colleghi attaccanti a scattare alle spalle dei difensori avversari. Non eccelle nei dribbling e negli “uno contro uno” ma riesce sempre a trovare i punti deboli delle difese avversarie. Il suo ruolo naturale è quello di trequartista, ma può benissimo giocare come ala sia sinistra che destra.

24 anni, 29 goal in 3 stagioni, Kostantinos Fortounis può ancora dare tanto, diventando magari una leggenda del club.

 

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...