“Einai trelos einai trelos o iranos!”

“Einai trelos einai trelos o iranos!”

“E’ folle è folle l’iraniano!”. Questo è il coro che ormai da un mese a questa parte sta prendendo largo tra gli spalti dello stadio di Nea Smyrnī, più precisamente nel settore occupato dai supporters appartenenti al gruppo “Panthers“.

Di chi stiamo parlando? Del calciatore che l’anno scorso ha trascinato il Panionios al 5º posto, nell’Europa che conta (mancata poi a causa della licenza UEFA) e che quest’anno almeno fino ad ora sembra ripercorrere le orme dell’anno scorso. Nato ad Ardabil nel 1990 nel nord dell’Iran, Karim Ansarifard è l’ultimo figlio di una famiglia composta da quattro fratelli e tre sorelle; gioca attualmente al Panionios con il compagno di nazionale Shojaei.

Inizia la sua carriera con il Saipa, la squadra locale della sua città natale e, mentre partecipava ad un torneo di calcio, venne notato dall’allenatore del Saipa, Ali Daei. Il giovane venne inserito nella primavera della squadra, fino ad arrivare alla convocazione con la prima squadra, che nella stagione 2006/2007 riscontrava problemi nel segnare goal dopo la partenza di Khalili. Circa 3 mesi dopo il mister decise di dargli piena fiducia, schierandolo titolare. Ansarifard risponde con ottime prestazioni segnando anche un goal contro il Sepahan. Nella stagione 2009/2010 Ansarifard, diventato titolare inamovibile, segnò 13 goal e a fine campionato tanti club come il Celtic, Borussia Dortmund e Everton chiesero informazioni sul giocatore. Ma per volontà del giocatore, il club gli rinnovò il contratto per altri due anni, fino al 2013. Intanto, Ansarifard continua a crescere sia sul piano fisico che tecnico, divenendo capocannoniere nella stagione 2011/2012 con la maglia del Saipa, realizzando 21 goal e 5 assist.

Dalla stagione 2012/2013 lascia il Saipa e firma per il Persepolis, solamente per un anno. In 31 partite realizza soltanto 8 goal, raggiungendo anche la finale di Hazfi Cup (la nostra Coppa Italia) perdendola però ai rigori. Nel settembre 2013 decise di lasciare il club a causa di un rapporto quasi di ostilità nei confronti del mister Ali Daei, firmando con il  Tractor Sazi.

Nonostante l’esclusione dalla lista dei giocatori del club con il Persepolis, decise comunque di rimanere un altro anno in Iran con il Tractor Sazi, firmando un contratto annuale con opzione di trasferimento in caso di offerte ricevute da club europei. Mentre l’anno prima non riuscì a vincere la Hazfi Cup, questa stagione ci riuscì e venne anche nominato miglior giocatore della competizione. Con il Tractor Sazi segnò in totale 17 goal e vinse di nuovo il titolo di capocannoniere del campionato.

Nell’agosto 2014 Ansarifard firmò con l’Osasuna, che al tempo militava in Serie B spagnola. A differenza delle altre stagioni, in Spagna non riuscì a segnare alcun goal, collezionando comunque 16 presenze.

Esattamente un anno dopo dalla firma con l’Osasuna, il Panionios ingaggiò Karim. In 30 partite segna 10 goal, ritrovando se stesso attraverso delle giocate che hanno impressionato un po’ tutta la Super League. La peculiarità che ha fatto affezionare così tanto i tifosi del Panionios ad Ansarifard è il suo rituale dopo ogni goal: dopo aver segnato. l’iraniano prima ringrazia prima Allah, dopo corre sotto il settore occupato dai tifosi rossoblù abbracciandoli ed incitandoli a sostenere la squadra. Per prestazioni e caratteristiche è stato paragonato alla leggenda del calcio iraniano, Ali Daei (sì, il suo ex allenatore). Il suo ruolo naturale è quello di centravanti: abile sia palla a terra che sulle palle inattive; nella sua prima stagione con il Saipa è stato utilizzato anche come ala destra, ma nella stagione successiva è tornato nel ruolo di centravanti. In 229 partite totali ha realizzato 87 goal, 10 dei quali nel Panionios. Il suo palmarés conta una Hazfi Cup nel 2012/2013, il titolo di capocannoniere nel campionato iraniano nelle stagioni 2011/2012 e 2013/2014, ed il goal della stagione 2015/2016 nella Super League greca.

 

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...